domenica 15 giugno 2014

20. Operazione Babalon e Operazione Ouroboros

domenica 15 giugno 2014
Operazione Babalon
Nell’Apocalisse viene detto che sulla fronte della Donna Scarlatta sta scritto “Babylon” (Babilonia), un nome misterioso… e questo nome è misterioso perché cela l’esatto nome, ovvero “Babalon”, il nome della Meretrice (letteralmente “amata”) di Babilonia (“Babylon”, letteralmente “la Porta degli Dei”).
Mi ci sono voluti trentuno anni – dal dicembre 1982 al dicembre 2013 – per realizzare l’Operazione Babalon (formula della Luce e formula della Tenebra), il potere anticristiano che distruggerà la Chiesa di Pietro.

La Meretrice di Babilonia: la formula della Luce
La Donna Scarlatta (luminosa) cavalca Leviathan (nell’aspetto maschile), il Gran Dragone Scarlatto, la Bestia Selvaggia dalle Otto Teste e Tredici Corna. Ella è vestita di rosso, indossa gioielli e tiene nella mano destra una Coppa e con la sinistra sorregge un Libro aperto.
Interpretazione: la Donna Scarlatta (luminosa) rappresenta la Lussuria. Ella, con la forza della Bestia, domina le passioni e gli istinti. Nella sua Coppa viene versato il Sangue dei Santi e il Libro è quello della Rivelazione (Apocalisse).

La formula di B.A.B.A.L.On.
Il nome “Babalon” significa “Porta del Sole” e il valore cabalistico delle sue lettere (B.A.B.A.L.On.) è 87.
Il nome della Meretrice (“Amata”) luminosa di Babilonia (“Porta degli Dei”) è Ishtar (la dea Venere), la Donna Scarlatta Babalon (Venere – Leone) che si manifesta in due aspetti: Sophia madre (Galbix Red – Leone) e Sophia figlia (Tixian Dark – Leone).




Galbix Red, la Sophia madre




Tixian Dark, la Sophia figlia



La Meretrice di Babilonia: la formula della Tenebra
La Donna Scarlatta (tenebrosa) cavalca Leviathan (nell’aspetto femminile), il Serpente Verde, la Bestia Selvaggia dalle Sette Teste e Dieci Corna. Ella è vestita di rosso, indossa gioielli e tiene nella mano sinistra una coppa d’oro, colma della sua fornicazione.
Interpretazione: la Donna Scarlatta (tenebrosa) rappresenta la lussuria. Ella, con la forza della Bestia, distrugge la Chiesa di Pietro. La sua Coppa è colma della fornicazione da lei generata.

La formula di B.A.B.A.L.O.N.
Il Serpente Verde Leviathan, la Bestia Selvaggia dalle Sette Teste e Dieci Corna, cela il segreto dell’undicesimo Corno, il piccolo Corno, rappresentato dalla Babalon nera, la Meretrice tenebrosa di Babilonia.
Il nome “Babalon” significa “Porta del Sole” e il valore cabalistico delle sue lettere (B.A.B.A.L.O.N.) è 156.
Il nome della Meretrice (“Amata”) tenebrosa di Babilonia (“Porta degli Dei”) è Soveida (valore numerico 156), la Donna Scarlatta Babalon (Luna – Bilancia) che si manifesta in due aspetti: Nahemah (Luna piena – Sagittario) e Lilith (Luna nuova – Scorpione).



Soveida, la Bestia Selvaggia dalle Sette Teste e Undici Corna



la visione di questo video è sconsigliata ai deboli di cuore e ai bambini.

Soveida, la Babalon nera


Operazione Ouroboros
L‘Ouroboros – Drago-Serpente rosso-verde che si morde la coda – è il simbolo della ciclicità del tempo (l’eterno ritorno) e la rappresentazione dell’integrazione del contrario, cioè dell’aspetto opposto. Esso è il simbolo dell’immortalità che raffigura l’Uno, che procede dall’unione degli opposti.

L’unione degli opposti
L’unione del Gran Dragone Scarlatto (la Bestia Selvaggia dalle Otto Teste e Tredici Corna) e del Serpente Verde (la Bestia Selvaggia dalle Sette Teste e Undici Corna) genera il Drago-Serpente rosso-verde Ouroboros.
In altre parole: l’unione della Grande Bestia 666 (il Sole, Lucifero) e della Donna Scarlatta (la Luna, Nahemah-Lilith) genera l’Uno… l’essere immortale.

Osservando le onde del mare...
Dal mare vidi nascere onde gravi ed onde brevi e tutte rifluire nell'oceano.
E compresi...
Dall'Oceano Cosmico provengono gli uomini... la loro vita come le onde del mare.
Vite lunghe e vite brevi, vite importanti e vite insignificanti, ma tutte ritornanti al Mare Cosmico.
E poi vidi...
Vidi esseri che non ritornavano nell'Oceano Cosmico... esseri immortali.