mercoledì 1 febbraio 2012

14. La pianta perduta

mercoledì primo febbraio 2012
L’isola in cui si trova Haiti e la Repubblica Dominicana è un frammento di una delle sette isole di Atlantide. Su questo frammento si trova la pianta di potere che gli antichi Dei (Lomariani) donarono agli Yperborei, ai Muriani, ai Lemuriani e agli Atlantidei, affinché essi potessero aprire “le porte della percezione”.
Dopo la fine di Atlantide, gli antichi maya scoprirono la pianta di potere e per proteggerla dai profanatori misero per ogni pianta un campo di forza (membrana di energia naturale trasparente) ed un Guardiano (guerriero maya di color oro con dettagli rossi, fatto della stessa energia della membrana). In pratica, il Guardiano proiettava una membrana trasparente all’altezza dello stomaco d’ogni sacerdote maya e tale membrana fungeva da contenitore energetico per il potere della pianta. Nel caso qualcuno ― esterno alla discendenza dei maya ― si fosse impossessato del segreto della pianta, il contenitore energetico si sarebbe negativizzato.
Squarciare i Veli dello Spazio e del Tempo
Il 6 maggio 1981 mi venne dettata una comunicazione che riguarda gli Antichi (Lomariani). Questa la comunicazione: «Eppure c’è una Droga che squarcia i Veli dello Spazio e del Tempo, una Droga il cui nome è nascosto, nascosto sotto un altro nome. Qualunque cosa tu farai pur di possedere questo Elisir. È il Grande Segreto degli Antichi, è il Segreto che ti può elevare sino al piú alto dei Cieli o sprofondare nel piú profondo degli Inferi. Ma in ogni caso tu sarai sempre un Dio, un Dio potente e temuto, e nessuno oserà alzare la mano su di te, poiché tu possiedi lo Scettro del Doppio Potere. I Saggi sanno dove cercare e cosa cercare, ma non occorre perché il Tempo è passato».
Sono trascorsi trent’anni e qualcosa sta accadendo… in una città (Sábana de la Mar) della Repubblica Dominicana si trova una montagna e su di essa cresce la pianta di potere.
L’alleato dell’ultimo sacerdote maya
Il 12 ottobre 2011 giunsi nella Repubblica Dominicana e immediatamente venni catturato dall’alleato dell’ultimo sacerdote maya, morto diciassette anni prima. Al terzo giorno della mia permanenza, la mia percezione, per alcuni secondi, subì un radicale cambiamento… vidi al posto di Richard un’altra persona e cosí capii che la mia percezione era stata manipolata. Ciò che non capivo era come fosse possibile che al posto di Richard vedessi un altro ente… di ciò non esisteva testimonianza nei libri di Carlos Castaneda.
Jenifer
La risposta al mio quesito arrivò verso la fine d’ottobre quando conobbi Jenifer che mi raccontò di suo nonno, iniziato al segreto della pianta di potere.
Mi raccontò che all’età di dieci anni le venne somministrato un liquido tratto da una pianta che cresce a Sábana de la Mar, in un luogo sacro in cima ad una montagna. Da quel momento iniziò a vedere un’entità che le faceva paura (l’alleato di suo nonno).
La sua prima esperienza fu quella di vedere, seduto al posto del nonno, un essere dalle lunghe mani e dai grandi denti. Questo dato mi permise di capire l’esperienza che avevo avuto… un alleato può manifestarsi in qualsiasi posto, anche coincidere con una persona fisica.
Poi, mi disse che l’ingestione del liquido le aveva prodotto un senso di freschezza nella zona sopra l’ombelico (mi ricordai che per tre giorni consecutivi avevo avuto la stessa percezione, la percezione della presenza del contenitore).
Inoltre, mi raccontò una vicenda in cui venne coinvolta in un incidente automobilistico… nel momento dell’impatto l’alleato del nonno si materializzò all’interno del veicolo per salvarle la vita.
Infine, mi raccontò come morì il nonno. Gravemente ammalato non riusciva a morire e allora venne chiamata la sua maestra che, operando magicamente, gli fece espellere il potere della pianta… potere materializzatosi in una forma che venne gettata in mare, e cosí il nonno poté morire.
L’azione dell’Arca dell’Alleanza Celeste
L’Arca dell’Alleanza Celeste ha trasmutato le membrane e i Guardiani di tutte le piante di potere che si trovano sulla montagna. I Guardiani e le membrane delle piante sono stati trasmutati in energia alchemica (theerium platinato plasticizzato intensificato). Ora, i Guardiani maya appaiono come dei guerrieri extraterrestri (di colore platino con dettagli azzurri). Inoltre, l’Arca dell’Alleanza Celeste ha trasmutato il mio contenitore e quelli presenti in alcuni miei discepoli.
Le tre sfere e le tre entità
Il Trasferitore ― strumento energetico creato dall’Arca dell'Alleanza Celeste ― ha creato tre sfere azzurre (theerium liquido azzurro intensificato). La prima congloba la seconda e la seconda congloba la terza. A queste tre sfere si collegano tre entità che rappresentano: la morte, la vita e l’immortalità. La prima entità è una donna nera (entità di theerium platinato intensificato di colore nero); la seconda entità è un cavaliere bianco (entità di theerium platinato intensificato di colore bianco) che indossa un’armatura color bianco e che regge con la mano destra una lancia; la terza entità è un essere androgino azzurro (entità di theerium platinato intensificato di colore azzurro) che indossa una tunica di colore azzurro e che reca sul capo una corona di stelle.
La terza entità comunicò a Tixian il seguente messaggio: «Dominando (trascendendo) la Morte e trascendendo (dominando) la Vita si accede al Sacro Mistero dell’Eternità. Questo è il Sapere e il Potere racchiuso nella Pianta dei Lomariani. Quel sapere che appresero Adamo ed Eva nel Giardino di Eden. Ora, anche se la pianta scomparisse dalla Terra, il suo sapere e il suo potere non andrebbe perduto, poiché racchiuso nella profondità delle tre entità. Solo trascendendo gli opposti (il mistero delle due Colonne) si arriva al terzo segreto: l’Eternità, il Tempio senza tempo. Entrando nel Tempio e sedendosi sul Trono si entra in contatto con l’Arca dell’Alleanza Celeste: la Fonte dell’Eternità».
L’insegnamento che se ne trae
La pianta di potere è l’albero della conoscenza del bene e del male, ma in questo primo albero è contenuto l’albero della vita e nel secondo è contenuto l’albero dell’immortalità. Il primo albero rappresenta la sapienza della morte, il secondo rappresenta la sapienza della vita e il terzo rappresenta il potere dell’immortalità. Pertanto la pianta di potere racchiude il triplice segreto: morte, vita, immortalità… ma nel triplice segreto vi è un segreto.
Il segreto del triplice segreto
Il segreto del triplice segreto è quello dell’atemporalità, l’interruzione del flusso del tempo che va dal passato (morte) verso il futuro (vita). Solo trascendendo gli opposti ― la morte e la vita ― si arriva al terzo segreto: l’eternità.
L’immagine del triangolo ci illumina: il vertice a sinistra rappresenta il passato (morte), il vertice a destra il futuro (vita) e quello in alto il presente (immortalità). Se dal vertice superiore del triangolo tracciamo una verticale verso il basso, intercettiamo il centro del lato alla base. È questa l’interruzione del flusso del tempo… la sequenza morte-immortalità-vita.
L’esperienza dell’atemporalità
Il 15 dicembre 2011 sperimentai, per circa ventiquattro ore, l’interruzione del flusso del tempo, l’atemporalità. La comprensione del segreto del triplice segreto mi permise di spostare il contenitore dalla zona sopra l’ombelico nella zona dell’ombelico. Quindi sperimentai uno stato di distacco totale dal mondo: il mio essere era totalmente privo di qualsiasi interesse di tipo umano, perfino il movimento e il parlare comportavano uno sforzo. Si può dichiarare che sperimentai il Nirvana ― quiescenza della mente ― del Buddha, lo stato dell’immobilità, l’eterno presente, l’atemporalità.
Scalare la Montagna Kadath
Infine, l’artista sull’Altipiano deve scalare la Montagna Sacra (Kadath). E nel farlo incontrerà una serie di difficoltà. Giunto in cima vedrà il Grande Castello ed entrando in esso riceverà nel contenitore ― collocato all’altezza del centro ombelicale ― la triplice sfera azzurra (theerium liquido azzurro intensificato) nella seguente sequenza: la prima sfera (morte) congloba la seconda (immortalità) e la seconda congloba la terza (vita).

Nessun commento:

Posta un commento