domenica 13 marzo 2016

25. Il viaggio continua

Domenica 13 marzo 2016

Il viaggio del mago continua, fino al momento in cui egli arriverà al punto d’arrivo.

Panama
Dalla Repubblica Dominicana ci recammo a Panama e lì c’intrattenemmo per nove giorni, dal 19 al 28 gennaio 2016. All’Università di Panama City tenni una conferenza sulle Tradizioni esoteriche ed alcuni giorni dopo emisi, tramite il mio segretario, il Comunicato della Loggia P1.


Il piccolo disco volante
Il 23 gennaio 2016 entrammo in contatto con uno strumento energetico a forma di disco volante. Tale strumento, creato dall’Arca dell’Alleanza Celeste, contiene la proto-energia platinata intensificata con il theerium platinato intensificato. Inoltre, collegato allo strumento vi è un’entità-guardiana femminile ed una corrente di energia, entrambe della stessa composizione energetica dello strumento. La funzione dell’intera compagine è di favorire i Giusti e di colpire gli ingiusti.

La sfera-matrice platinata
Il 25 gennaio 2016 entrammo in contatto con uno strumento energetico a forma di sfera. Tale strumento, creato dall’Arca dell’Alleanza Celeste, contiene la proto-energia platinata intensificata con il theerium platinato intensificato. Inoltre, collegato allo strumento vi è un’entità-guardiana maschile ed una corrente di energia, entrambe della stessa composizione energetica dello strumento. La funzione della sfera è di generare entità aventi il compito di influenzare mentalmente i neutri, di indirizzarli verso la spiritualità.



Comunicato della Loggia P 1



Panama, 27 gennaio 2016

Comunichiamo che la Loggia Propaganda 1 è presente ed operativa, da quattro anni, in America Latina, grazie al lavoro svolto dal Gran Maestro Frank G. Ripel, Capo Internazionale dell’U.M.U. (Unione Massonica Universale) e Capo Internazionale, grado 100, della M.E.A.P.R.M.M. (Massoneria Egiziana dell’Antico e Primitivo Rito di Menphis e Misraim).
Il Gran Maestro Frank Ripel comunica che la Loggia P2 del Fratello Licio Gelli, grado 99, della M.E.A.P.R.M.M. ha cessato definitivamente di operare dall’anno 1982 e che nessun’altra sua manifestazione è presente a livello mondiale.
La Loggia P1 nasce per volontà congiunta tra il Maestro Venerabile Licio Gelli e il Gran Maestro Frank G. Ripel, unico depositario di determinati segreti e finalità operative.

Il Segretario Generale della Loggia P1

Morris Camp 98°



Venezuela
Da Panama City ci recammo in Venezuela… vi arrivammo la sera del 28 gennaio 2016.



L’entità-matrice andromediana
Il 29 gennaio 2016 entrammo in contatto con un’entità andromediana nera, abbigliata di tunica con cappuccio e reggente nella mano destra un bastone. A Tale entità (carica elettro-magnetica 1 a 2 concentrata), collegato un generatore ed una corrente di energia, entrambe della stessa composizione energetica dell’entità. La funzione dell’entità era di generare enti aventi il compito di cagionare uno stato di depressione e solitudine, di cagionarli a tutti coloro che ostacolavano gli ingiusti.
L’Arca dell’Alleanza Celeste, dopo aver eliminato tutte le entità, trasmutò l’entità-matrice, il generatore e la corrente di energia, li trasmutò in proto-energia platinata intensificata con theerium platinato intensificato, contenente la proto-energia liquida nera intensificata con il theerium liquido nero intensificato. Infine, l’Arca dell’Alleanza Celeste riprogrammò l’intera compagine, la riprogrammo con la funzione di colpire gli ingiusti, cagionando in loro uno stato di depressione e solitudine.

L’irraggiamento della Luce connettiva alchemica
Il 29 gennaio 2016 venne irraggiato il pianeta Terra di Luce connettiva alchemica (energia atomica continua alchemica). Tale energia proviene dalla Porta del Sole, collocata sul pianeta Kruich, presso la stella Betelgeuse nella costellazione di Orione. Essa giunse sulla Terra attraverso la Porta atemporale conosciuta come il Triangolo delle Bermuda. Tale irraggiamento terminò il 31 gennaio, coinvolgendo l’intero pianeta ed ogni forma di vita. La funzione dell’energia è di portare un rinnovamento energetico alla Terra e a tutte le sue forme di vita. Inoltre, l’energia ha la funzione di influenzare il pensiero dei terrestri, in senso positivo (Giusti e i neutri) e in senso negativo (ingiusti).
In seguito, l’Arca dell’Alleanza Celeste creò un’entità femminile di Luce connettiva alchemica, avente la funzione di Guardiana dell’energia irradiata sul pianeta Terra. Tale entità ha il potere di stimolare la percezione dei terrestri e anche di produrre in loro delle visioni.
Infine, l’Arca dell’Alleanza Celeste creò sulla Terra una struttura energetica reticolare, avente la funzione di far scorrere nel reticolo la corrente di Luce connettiva alchemica, al fine di organizzarla. In tal guisa la Guardiana ha anche il compito di dirigere la corrente così organizzata.

L’ente bidimensionale iperboreo
Il 4 febbraio 2016 entrammo in contatto con una sagoma bidimensionale (Aoùr trattato tecnologicamente), risalente all’antica civiltà d’Iperborea. Tale sagoma contiene dei dati scientifici riguardante quest’antica civiltà dell’Età dell’Oro.
Infine, l’Arca dell’Alleanza Celeste fornì dei nuovi dati alla sagoma bidimensionale e quindi l’ha trasmutò in theerium platinato intensificato, facendola diventare tridimensionale.

Uno strumento kruichiano
Il 14 febbraio 2016 entrammo in contatto con uno strumento kruichiano di Luce sfolgorante cristallina. Esso è alto circa un metro e la sua struttura è simile alla doppia elica del DNA. Tale strumento è collegato ai Dodici Eletti ed ha la funzione di aiutarli ad esercitare la loro volontà sui terrestri.

La creazione di un’entità
Il 16 febbraio 2016 l’Arca dell’Alleanza Celeste creò un’entità di materia oscura (atomica) alchemica, in altre parole un ente generato in laboratorio (Arca dell’Alleanza Celeste) e quindi tecnologico.

La progettazione di un Edificio naturale-alchemico
La progettazione di un Edificio naturale-alchemico avviene tramite l’Arca dell’Alleanza Celeste in sintonia con l’Aquila e con il Demiurgo terrestre Giano. In altre parole, l’Arca dell’Alleanza Celeste programma l’azione da svolgere e l’intento dell’infinito in assonanza con la Matrice naturale-alchemica lo mette in atto. Trattasi di un edificio riservato ai soli artisti, in cui la parte alchemica è un programma (la programmazione dell’edificio) e la parte naturale è l’intervento dell’Aquila e del Demiurgo terrestre.
Esistono due livelli nella progettazione di un Edificio naturale-alchemico: il primo è definito interazione passiva, mentre il secondo è definito interazione attiva.
Nell’ambito dell’interazione passiva, il mago-artista entra in interazione passiva con l’edificio: pur essendo parte attiva della programmazione subisce gli accadimenti.
Nell’ambito dell’interazione attiva, il mago-artista entra in interazione attiva con l’edificio: egli è parte attiva della programmazione, egli controlla gli accadimenti, agendo in rapporto al proprio sentire, in modo immediato senza l’intervento della ragione. In tal modo, il mago-artista diventa il co-ordinatore dell’Arca dell’Alleanza Celeste, dell’Aquila e del Demiurgo terrestre.
N.B. – Nel nostro caso personale edificammo un Edificio naturale-alchemico di quindici piani.

L’Occhio del Drago
L’Occhio del Drago è quel tracciato magico che l’artista (mago) deve realizzare lungo la Via iniziatica. Tale percorso è costituito da otto tappe esterne (la circonferenza del cerchio magico) e da una interna (il centro del cerchio magico). In altre parole, le otto tappe esterne sono date dalle Otto Teste (Stazioni o Nazioni) del Drago, mentre la tappa interna è data dal suo Corpo.
Nel mio caso personale, le otto tappe esterne furono: Slovenia, Tenerife, Minorca, Fuerteventura, Repubblica Dominicana, Russia, Panama, Venezuela. Invece, la tappa interna, la nona, e data dalla realizzazione finale: la conquista della libertà totale.

Nessun commento:

Posta un commento