21. Il viaggio continua

Domenica 13 marzo 2016
Il viaggio del mago continua, fi­no al mo­men­to in cui egli ar­ri­ve­rà al pun­to d’ar­rivo.

Panama
Dalla Repubblica Dominicana ci re­cam­mo a Pa­na­ma e lì c’in­trat­te­nem­mo per no­ve gior­ni, dal 19 al 28 gen­naio 2016. All’U­ni­ver­si­tà di Pa­na­ma Ci­ty ten­ni una con­fe­ren­za sulle Tra­di­zio­ni e­so­te­ri­che ed al­cu­ni gior­ni do­po e­mi­si, tra­mi­te il mio se­gre­ta­rio, il Co­mu­ni­ca­to della Log­gia P1.

Comunicato della Loggia P1
Panama, 27 gennaio 2016

Comunichiamo che la Loggia Pro­pa­gan­da 1 è pre­sen­te ed o­pe­ra­ti­va, da quat­tro an­ni, in A­me­ri­ca La­ti­na, gra­zie al la­vo­ro svol­to dal Gran Mae­stro Frank G. Ri­pel, Ca­po In­ter­na­zio­na­le dell’U.­M.U. (U­nio­ne Mas­so­ni­ca U­ni­ver­sa­le) e Ca­po In­ter­na­zio­na­le, gra­do 100, della M.E.­A.­P.R.M.M. (Mas­so­ne­ria E­gi­zia­na dell’An­ti­co e Pri­mi­ti­vo Ri­to di Mem­phis e Mi­sraïm).
Il Gran Maestro Frank Ripel co­mu­ni­ca che la Log­gia P2 del Fra­tel­lo Li­cio Gel­li, gra­do 99, della M.E.­A.­P.R.M.M. ha ces­sa­to de­fi­ni­ti­va­men­te di o­pe­ra­re dall’an­no 1982 e che nes­sun’al­tra sua ma­ni­fe­sta­zio­ne è pre­sen­te a li­vel­lo mon­diale.
La Loggia P1 nasce per volontà con­giun­ta tra il Mae­stro Ve­ne­ra­bi­le Li­cio Gel­li e il Gran Mae­stro Frank G. Ri­pel, u­ni­co de­po­si­ta­rio di de­ter­mi­na­ti se­gre­ti e fi­na­li­tà o­pe­ra­tive.

Il Segretario Generale della Log­gia P1

Morris Camp 98°

Venezuela
Da Panama City ci recam­mo in Ve­ne­zue­la… vi ar­ri­vam­mo la se­ra del 28 gen­naio 2016.



Atto finale
Come avevo concluso il mio i­ter con il Gas ver­de ne­ga­ti­viz­za­to co­sì do­ve­vo con­clu­de­re il mio i­ter con il theerium li­qui­do nero.

Una brutta sorpresa
Il 16 maggio 2016 si presen­ta­ro­no alla por­ta della no­stra a­bi­ta­zio­ne delle per­so­ne, di­cen­do di es­se­re dell’im­mi­gra­zio­ne e di do­ver fa­re dei con­trol­li ri­guar­dan­ti i no­stri do­cu­men­ti. Li fa­cem­mo ac­co­mo­da­re, ma do­po le pri­me bat­tu­te mi ap­par­ve chia­ro che si trat­ta­va di ben al­tro… si trat­ta­va di po­li­ziot­ti cor­rot­ti della po­li­zia cri­mi­na­le in­ve­sti­ga­ti­va ve­ne­zue­lana.
In breve: eravamo perfetta­men­te in re­go­la con i do­cu­men­ti, ma sic­co­me a­ve­va­mo con noi ven­ti­mi­la dol­la­ri (fac­cio no­ta­re che es­sen­do in tre po­te­va­mo a­ve­re fi­no a tren­ta­mi­la dol­la­ri) ci se­que­stra­ro­no tut­to e ci con­dus­se­ro alla cen­tra­le di po­liz­ia. Qui ci fe­ce­ro ca­pi­re, chia­ra­men­te, che se non gli da­va­mo i ven­ti­mi­la dol­la­ri si sa­reb­be­ro in­ven­ta­ti qual­che rea­to a no­stro ca­ri­co. Do­po qual­che ora di e­ste­nuan­ti trat­ta­ti­ve (do­ve per im­pau­rir­ci ci sche­da­ro­no) chiu­de­va­mo la con­trat­ta­zio­ne a set­te­mi­la dol­la­ri che con­se­gnam­mo nelle ma­ni dell’in­fa­me i­spet­to­re di po­li­zia, il set­ti­mo uo­mo di que­sta lu­ri­da o­pe­ra­zio­ne… ma non sa­pe­va­no con chi a­ve­va­no a che fare.

Una misteriosa febbre
Il 18 maggio 2016 mi esplo­se una for­tis­si­ma feb­bre, pen­sai che si trat­tas­se di uno sta­to in­fluen­za­le, pe­rò pro­vai la net­ta sen­sa­zio­ne che qual­co­sa di stra­no mi sta­va ac­ca­den­do… sen­ti­vo di tro­var­mi in una si­tua­zio­ne pe­ri­co­lo­sa.

L’ultimo residuo di theerium liquido nero
Il 19 maggio 2016 venni a sa­pe­re, gra­zie alla veg­gen­te Gal­bix Red, che il mio sta­to di ma­les­se­re a­ve­va de­ter­mi­na­to la li­be­ra­zio­ne, dal mio cor­po fi­si­co, dell’ul­ti­mo re­si­duo di theerium li­qui­do ne­ro, re­si­duo che ven­ne pre­so dall’Ar­ca dell’Al­lean­za Ce­le­ste. In pra­ti­ca, co­me a­ve­vo con­clu­so il mio i­ter con il Gas ver­de ne­ga­ti­viz­za­to co­sì do­ve­vo con­clu­de­re il mio i­ter con il theerium li­qui­do nero.

Il batterio
Il 20 maggio 2016 venni a sa­pe­re, do­po es­se­re sta­to ri­co­ve­ra­to in una cli­ni­ca per ac­cer­ta­men­ti, di a­ver con­trat­to un bat­te­rio che at­tac­ca i pol­mo­ni e lo sto­ma­co, per­tan­to ven­ni sot­to­po­sto ad un in­ten­so trat­ta­men­to. Dun­que il bat­te­rio era sta­to la cau­sa della mia for­tis­si­ma febbre.

Il Drago nero universale
Durante la notte del 21 mag­gio 2016, men­tre dor­mi­vo, en­trai in in­te­ra­zio­ne con un’e­ma­na­zio­ne e­ner­ge­ti­ca de­ri­van­te dell’A­za­thoth u­ni­ver­sa­le av­vol­to dallo Shub-Nig­gurath u­ni­ver­sa­le. Da ta­le in­te­ra­zio­ne nac­que un’en­ti­tà ne­ra dagli oc­chi ros­si di no­me Aathoro, il crea­to­re degli e­venti.

La vendetta
Sì, si sa! Io sono un esse­re mo­lto ven­di­ca­ti­vo, il mio mot­to è: “Di­men­ti­ca­re mai, ven­di­car­si sem­pre”. Ov­via­men­te, i set­te po­li­ziot­ti do­ve­va­no pa­gar­la ca­ra, mol­to ca­ra, per­tan­to con­tro di lo­ro ven­ne­ro in­via­ti no­ve cam­pi di forza.

Il primo e il secondo campo di forza
Il 22 maggio 2016, in sta­to di so­gno, en­trai in in­te­ra­zio­ne con una co­lon­na di in­ten­to di mor­te e un ser­pen­te grigio.
La colonna di intento di mor­te im­mo­bi­liz­za la vit­ti­ma, men­tre que­sta si tro­va nel mon­do dei so­gni, e il ser­pen­te gri­gio la at­tacca.
Ovviamente, tutto ciò ven­ne in­via­to con­tro i set­te po­li­ziotti.

Il terzo e il quarto campo di forza
Il 23 maggio 2016, in sta­to di so­gno, en­trai in in­te­ra­zio­ne con un cam­po di for­za o­va­le ed un’en­tità.
Il campo di forza ovale a­gi­sce sulla per­ce­zio­ne della vit­ti­ma per in­tor­pi­dir­le la men­te e l’en­ti­tà la in­de­bo­li­sce a li­vel­lo dell’e­ner­gia vi­tale.
Ovviamente, tutto ciò ven­ne in­via­to con­tro i set­te po­li­ziotti.

Il quinto e il sesto campo di forza
Il 24 maggio 2016, in sta­to di so­gno, en­trai in in­te­ra­zio­ne con una co­lon­na bian­ca e un drap­po bianco.
La colonna bianca crea ten­sio­ne alla vit­ti­ma e il drap­po bian­co le pro­du­ce pres­sio­ne nel cor­po per ge­ne­rar­le dei bloc­chi e­ner­getici.
Ovviamente, tutto ciò ven­ne in­via­to con­tro i set­te po­li­ziotti.

Il settimo e l’ottavo campo di forza
Il 25 maggio 2016, in sta­to di so­gno, en­trai in in­te­ra­zio­ne con una co­lon­na di e­ner­gia ed un’en­tità.
La colonna di energia indu­ce nella vit­ti­ma lo sta­to di dor­mi­ve­glia e l’en­ti­tà la at­tacca.
Ovviamente, tutto ciò ven­ne in­via­to con­tro i set­te po­li­ziotti.

Il nono campo di forza
Il 26 maggio 2016, in sta­to di so­gno, en­trai in in­te­ra­zio­ne con un’en­ti­tà u­sci­ta da una fes­su­ra (por­ta di­men­sio­ne).
L’entità agisce contro la vit­ti­ma pre­de­sti­nata.
Ovviamente, tutto ciò ven­ne in­via­to con­tro i set­te po­li­ziotti.

Ritorno in Repubblica Dominicana
Il 28 maggio 2016 facemmo ri­tor­no in Re­pub­bli­ca Do­mi­ni­ca­na. Qui de­ci­si di pren­de­re con­tat­to con due delle mie al­tre tre veg­gen­ti, poi­ché vo­le­vo sa­pe­re com’era an­da­ta a fi­ni­re con i ma­le­det­ti set­te po­li­ziotti.
N.B. – Si deve sapere che ol­tre alle tre veg­gen­ti i­ta­lia­ne (Gal­bix, Ti­xian e Na­ra) di­spon­go di al­tre tre veg­gen­ti do­mi­ni­ca­ne. Que­ste ul­ti­me han­no la ca­pa­ci­tà di ve­de­re il pas­sa­to, il pre­se­nte e il fu­turo.

Le altre tre veggenti
Presi contatto con due delle al­tre tre veg­gen­ti, di­slo­ca­te in Re­pub­bli­ca Do­mi­ni­ca­na. Tut­te e due mi dis­se­ro le stes­se co­se… per quan­to ri­guar­da­va i set­te po­li­ziot­ti mi as­si­cu­ra­ro­no che tre e­ra­no sta­ti col­pi­ti, ma non gli al­tri quat­tro. Ciò non mi ap­pa­ri­va chia­ro, non ca­pi­vo per­ché so­lo tre su set­te e­ra­no sta­ti col­pi­ti dalla mia fe­ro­ce ven­det­ta. Al­lo­ra de­ci­si di ri­vol­ger­mi alle mie tre veg­gen­ti uf­fi­cia­li. Da una (Gal­bix) di lo­ro mi ven­ne det­to che il “Gran­de Pro­gram­ma” a­ve­va co­sì de­ci­so: “Per gli al­tri quat­tro si do­ve­va at­ten­dere”.