16. Las Terrenas: a) by night, b) maratona, c) Frank Ripel

lunedì 27 febbraio 2012 ― do­me­ni­ca 4 mar­zo 2012 ― mer­co­le­dì 7 mar­zo 2012
Vivere a Las Terrenas...


16.a. Las Terrenas by night
lunedì 27 febbraio 2012
Chi arriva a Las Terre­nas non può non vi­si­ta­re il Bar­rio Grin­go ― rock bar ― ge­sti­to da un fan­ta­sma­ti­co D.J.
 
 
 
 
 

16.b. Las Terrenas maratona
domenica 4 marzo 2012
Ogni anno si tiene la ma­ra­to­na a Las Ter­re­nas. An­che il no­stro Fran­cis Fide vi ha par­te­ci­pato.
 
 

 

16.c. Las Terrenas Frank Ripel
mercoledì 7 marzo 2012
Le tre foto-simbolo di Frank Ripel.
 
 
 

Frank Ripel sul gokart
 
 

Frank Ripel nella granja
 
 

15. Antichrist’s tour

sabato 4 febbraio 2012
Decidiamo di intraprendere un tour che ci con­dur­rà in al­cu­ne lo­ca­li­tà della Re­pub­bli­ca Do­mi­ni­cana.
Partiamo da Las Terrenas e ci di­ri­gia­mo a El Li­mon, nei cui pres­si c’è la spiag­gia del Moron.
 
 
Durante il pomeriggio ci re­chia­mo nella lo­ca­li­tà bal­nea­re chia­ma­ta Las Ga­le­ras, una fan­ta­sma­go­ri­ca cit­ta­di­na in cui ve­nia­mo a co­no­sce­re Wal­ter, una per­so­na sim­pa­ti­cis­si­ma, un i­ta­lia­no che vi ri­sie­de e che ge­sti­sce una piz­zeria.
 
Per chi dovesse recarsi a Las Ga­le­ras rac­co­man­dia­mo l’in­con­tro con Wal­ter, il qua­le vi for­ni­rà tut­te le in­for­ma­zio­ni ne­ces­sa­rie per quan­to ri­guar­da que­sta fan­ta­sma­go­ri­ca cit­ta­dina.
 
 
 
 
Il giorno seguente ripren­dia­mo il no­stro viag­gio alla vol­ta di Pla­ya Rincon.
 
 
Durante il pomeriggio rag­giun­gia­mo Sa­ma­ná (ca­po­luo­go della pe­ni­so­la di Sa­ma­ná della Re­pub­bli­ca Do­mi­ni­ca­na) e al­log­gia­mo in un no­to al­ber­go ― Ho­tel Chi­no ― ge­sti­to da ci­ne­si. Il pro­prie­ta­rio dell’al­ber­go ac­con­sen­te a cu­sto­di­re la no­stra jeep per i due gior­ni che do­vre­mo tra­scor­re­re a Sá­ba­na de la Mar. La sua gen­ti­lez­za è ta­le che la jeep ver­rà cu­sto­di­ta gra­tui­ta­mente.
 
 
Il giorno seguente, du­ran­te la mat­tina, pren­dia­mo il tra­ghet­to che ci con­dur­rà a Sá­ba­na de la Mar. Do­po un viag­gio di un’ora e mez­za giun­gia­mo nel por­tic­cio­lo della cu­pa cit­ta­dina.
 
 
Veniamo prelevati dagli au­ti­sti di moto-taxi e por­ta­ti in una lo­ca­li­tà a cir­ca die­ci chi­lo­metri.
 
 
Giunti a destinazione, ac­ce­dia­mo alla re­si­den­za.
 
La residenza in montagna dell’An­ti­cristo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Due giorni dopo decidiamo di far ri­tor­no a Las Ter­re­nas. Pren­dia­mo la bar­chet­ta che ci por­te­rà, cen­to me­tri piú a­van­ti, al tra­ghet­to che ci per­met­te­rà di ar­ri­va­re a Sa­maná.
 
 
 
 
Giunti a Samaná riprendiamo la no­stra jeep e po­co pri­ma di ar­ri­va­re a Las Ter­re­nas fac­cia­mo una so­sta a Pun­ta Por­til­lo. Qui tro­via­mo quella che, a no­stro dire, è la piú bel­la spiag­gia della Re­pub­bli­ca Do­mi­ni­cana.
 
El Portillo: spiaggia e mare
 
 
 
 
El Portillo: vista mare
 
 
 
 
El Portillo: palme
 
 
 
 
 
 
 
Arrivati a Las Terrenas com­ple­tia­mo il no­stro tour.
Da un punto di vista magi­co pos­sia­mo di­chia­ra­re che nella Re­pub­bli­ca Do­mi­ni­ca­na e­si­sto­no due po­li e­ner­ge­ti­ci na­tu­ra­li. Il pri­mo si tro­va a Las Ter­re­nas ed è di ca­rat­te­re e­let­tri­co, men­tre il se­con­do si tro­va a Caño Hon­do (Sá­ba­na de la Mar) ed è di ca­rat­te­re ma­gne­tico.
 
La residenza al mare dell’An­ti­cri­sto
 
Giro a Las Terrenas in Kart